Vetrina

» Vetrina » Cosa facciamo » Vetri tiffany » Vetro tiffany »

Vetro tiffany

Vetro tiffany
Informazioni

Prima di tutto bisogna preparare il disegno scelto in due copie: una servirà per ritagliare il vetro, l’altra per ordinare i vari pezzi in previsione della saldatura. Molto importante è l’utilizzo di un tagliavetro a testina stretta professionale, soprattutto se si opta per un decoro di piccole dimensioni o complesso.

A questo punto è indispensabile limare i bordi dei pezzi di vetro con la molatrice, così da poterli assemblare nel modo ottimale, per poi bordarli con il filo di stagno-piombo.

Per l’operazione di saldatura bisogna munirsi di mascherina e verificare che la punta del saldatore a stagno sia pulita, un passaggio indispensabile affinché il lavoro venga svolto in modo corretto e più rapido. Riuscire a maneggiare il saldatore a stagno richiede grande precisione ed accortezza sia per evitare di scottarsi con la punta calda, che per non rovinare il materiale da modellare.

Quando lo strumento avrà raggiunto la giusta temperatura, procedere con la pennellatura delle linee bordate utilizzando l’acqua salda ed eseguire piccoli punti di saldatura per fermare i pezzi di vetro. Il tutto stando attenti a non esercitare troppa pressione così da non imbrunire eccessivamente una zona rispetto alle altre. Infine, riempire tutte le linee cercando di creare un cordolo perfetto.

Una volta terminato lo specchio si può procedere con la sua pulitura finale utilizzando semplicemente acqua e sapone.

Prima di tutto bisogna preparare il disegno scelto in due copie: una servirà per ritagliare il vetro, l’altra per ordinare i vari pezzi in previsione della saldatura. Molto importante è l’utilizzo di un tagliavetro a testina stretta professionale, soprattutto se si opta per un decoro di piccole dimensioni o complesso.

A questo punto è indispensabile limare i bordi dei pezzi di vetro con la molatrice, così da poterli assemblare nel modo ottimale, per poi bordarli con il filo di stagno-piombo.

Per l’operazione di saldatura bisogna munirsi di mascherina e verificare che la punta del saldatore a stagno sia pulita, un passaggio indispensabile affinché il lavoro venga svolto in modo corretto e più rapido. Riuscire a maneggiare il saldatore a stagno richiede grande precisione ed accortezza sia per evitare di scottarsi con la punta calda, che per non rovinare il materiale da modellare.

Quando lo strumento avrà raggiunto la giusta temperatura, procedere con la pennellatura delle linee bordate utilizzando l’acqua salda ed eseguire piccoli punti di saldatura per fermare i pezzi di vetro. Il tutto stando attenti a non esercitare troppa pressione così da non imbrunire eccessivamente una zona rispetto alle altre. Infine, riempire tutte le linee cercando di creare un cordolo perfetto.

Una volta terminato lo specchio si può procedere con la sua pulitura finale utilizzando semplicemente acqua e sapone.

Potrebbero interessarti anche:

Qualità e cortesia, i nostri punti di forza.

Chiama Ora
3331712003